Pontelungo, il gol di Rossignolo stende la capolista Veloce e vale l’ottava vittoria consecutiva:”Il divario di punti in classifica non si è visto”

PONTELUNGO-VELOCE 3-2

(18′ Badoino, 33′ Ferrari, 88′ Rossignolo) (3′ Colombino, 70′ Lavagna)

PONTELUNGO: Serventi, Ferrari, Enrico, Bonadonna, Prudente, Messina, Caneva, Badoino, Giraldi, Dushi, Rossignolo. A disposizione: Ferrari, Greco, Principato, Tucci, Lecini, Giammanco, Montina.

VELOCE: Cerone, Ravera, Arrighi, Guerra, Scerra, Cosentino, Fanelli, Pisano, Ferrotti, Maida, Colombino. A disposizione: Lapi, Barranca, Lavagna, Murialdo, Saturni, Leone, Palomba.

Ci ha pensato una rete di Franco Rossignolo a stendere la Veloce e a consegnare l’ottava vittoria consecutiva ad uno straordinario Pontelungo. Gli ingauni, infatti, dopo la sconfitta con il Sassello dello scorso 26 novembre e il conseguente quint’ultimo posto in classifica, hanno raccolto 24 punti in 8 partite, portandosi incredibilmente a -1 dalla zona play-off. Ecco il commento del match winner Franco Rossignolo:

E’ stata una partita combattuta, dove per lunghi tratti abbiamo messo sotto la capolista e il divario di punti in classifica non si è visto. Sul 2-1 abbiamo avuto diverse occasioni per chiudere la partita, non ci siamo riusciti e loro hanno trovato il pareggio. Meno male che allo scadere è arrivato questo gol davvero importante per tutto l’ambiente.

Siete in linea con gli obiettivi che vi eravate prefissati ad inizio stagione?

L’obiettivo è quello di migliorare il piazzamento della scorsa stagione, ovvero la 7° posizione, adesso siamo 6° e quindi siamo perfettamente in linea con i programmi della società. Dovremo essere bravi a pensare a una partita alla volta, senza farci prendere dall’obbligo di vincere a tutti i costi, prenderemo quello che verrà.

Qual è stato il momento in cui è cambiata la vostra stagione?

Dopo la sconfitta con il Sassello ci siamo chiusi negli spogliatoi e ci siamo detti che così non poteva continuare. Penso che in quel momento sia scattata la scintilla che ci ha portato a raccogliere 8 vittorie consecutive.

Dal punto di vista personale, che cosa ti ha spinto a rimetterti in gioco dopo un anno di inattività?

L’entusiasmo del presidente mi ha colpito fin da subito. E’ vero, l’inizio è stato difficile e quando non arrivano i risultati diventa tutto più complicato, ma insieme ai miei compagni siamo riusciti a metterci alle spalle un periodo negativo e adesso stanno uscendo le nostre qualità.